Il ragazzo che vive su una barca

Lo scorso 1 dicembre una delegazione del Circolo della Vela della Tuscia si è recata a Civitavecchia dove, all’interno della darsena romana ospitata dalla Guardia di Finanza, attendeva ormeggiata la Walkirye, una particolare imbarcazione con a bordo un equipaggio altrettanto inusuale. La scorsa estate Alberto Peroni, socio del Circolo, ha incontrato la storia di Niki Frascisco, un ragazzo di 14 anni che da 8 vive in mare con tutta le sua famiglia a causa di un’anomala forma di asma che solo il mare riesce a tenere sotto controllo. Dopo numerosi malesseri all’età di 6 anni, Paolo e Paola, il papà e la mamma di Niki, hanno scelto di passare la loro vita su questa barca rendendosi conto che in mare tutti i disturbi non si manifestavano.

“Saliti a bordo siamo stati in un attimo accolti come amici di vecchia data”, racconta Paolo Bozzi, consigliere del Circolo della Vela della Tuscia e gestore del sito internet www.velatuscia.it. E aggiunge: “La cordialità, l’energia e l’ospitalità di questa famiglia ci ha colpito tutti e lasciato un segno nel cuore”. Il Circolo ha stanziato il mese scorso un piccolo sostegno economico che, presente Alberto Peroni, è stato donato a Niki insieme ad un cesto natalizio colmo di prodotti tipici della Tuscia Viterbese. Insieme a Bozzi e Peroni la delegazione, composta dal presidente Adalberto Cagnucci accompagnato da Luciano Zei e Paolo Pietroni, si è lasciata affascinare dai racconti e dalle soluzioni tecnologiche presenti nell’imbarcazione. La Walkirye, costruita artigianalmente da Paolo Frascisco nel giardino della sua casa e poi trasferita in mare attraverso il Po, rappresenta un concentrato di tecnologia in costante aggiornamento ed affinamento anche grazie al sostegno di importanti aziende come Telecom Italia.

Papà Paolo ha raccontato anche le problematiche, fondamentalmente energetiche, a cui sta continuamente lavorando per permettere a Niki di essere sempre collegato con il mondo, con la scuola e con gli amici. Niki è infatti regolarmente iscritto e frequenta con ottimo profitto il secondo anno del liceo scientifico “Francesco Saveri” di Salerno dove è presente tutti i giorni grazie alle apparecchiature di videoconferenza messe loro a disposizione collegate tramite satellite. Sulla storia di Niki è anche stata realizzata dalla Rai la fiction “Il bambino sull’acqua” con Beppe Fiorello e Vittoria Belvedere andata in onda quest’estate. La storia di Niki è diventata anche il musical “Tutti sulla stessa barca” che andrà in scena prossimamente a Gaeta.

Il Circolo della Vela della Tuscia offre a tutti la possibilità di contribuire al sostegno di Niki inviando una piccola donazione direttamente dal sito internet www.velatuscia.it. Tutto il denaro raccolto sarà interamente inviato alla famiglia Frascisco. Sempre all’insegna della solidarietà il Circolo ha raccolto l’invito della Banca Nazionale del Lavoro di Viterbo a partecipare alla campagna Telethon. Mercoledì 7 dicembre alle 19 presso il locale Angolo Martini in Via Genova a Viterbo tutti sono invitati all’aperitivo di apertura della raccolta fondi.

Leggi l’articolo


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.